Running: l’ appoggio

Se fossimo maratoneti keniani o uomini di 20000 anni fa dediti alla caccia correremmo completamente di avampiede. Ha senso perché la propulsione viene dall’ avampiede.

Noi però ( tra 10 minuti attacco da Glovo) siamo animali domestici da città e usiamo le scarpe. I puristi vorrebbero una corsa completamente di avampiede. Negli anni 70 sono stati fatti numerosi esperimenti è ancora qualcuno sostiene questa teoria del Barefoot. la maggior parte delle persone comuni che ci hanno provato hanno subito gravi infortuni. Scott Jurek che nel palmares ha anche due Badwater sostiene che alla fine dei conti è inevitabile appoggiare il tacco. Tacco, mesopiede, avampiede è la sequenza e l’avampiede ci dà la propulsione. È bello è importante pensarci anche mentre corriamo, fare un test uno screening istantaneo del nostro movimento. La differenza sta nella velocità e nel modo in cui questo movimento ( transizione) viene eseguito.

Per quanto riguarda i principianti come me è bene pensare mentre corriamo al movimento ma lasciare che questo avvenga in modo abbastanza naturale, senza sforzarci troppo di modificarlo, perché appunto siamo animali in cattività e il tacco in modo più marcato meno marcato inevitabilmente lo appoggeremo.

PS dimenticavo l’essenziale è però te l’appoggio avvenga in modo perpendicolare al nostro corpo cioè esattamente sotto il nostro bacino o magari qualche centimetro più avanti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...